Tag: esercizi di stile

So di non sapere, meglio mettere condimento

Aparicio Socrate
Aparicio Socrate (Photo credit: Wikipedia)

Togliendo tempo al sonno, sto cercando di tradurre i brani socratici che ho recuperato tempo fa. Sono pezzi sparsi, niente di corposo, non sembrano esserci interi dialoghi ma appunto solo brani. Come se fossero scarti della produzione platonica. O come se fossero apocrifi. O come se fossero dei falsi posteriori, ma chi lo sa, ci andrebbe un vero esperto per capirlo.

Oggi sono in grado di pubblicare una nuova sequenza dialogica, poche frasi, pochi scambi, ma comunque interessanti per gli studiosi. Parlano Socrate e Diote, quindi se ho nominato il primo brano Maccoao dal nome dell’interlocutore di Socrate, potremo chiamare questo dialogo Diote. Vorrei sottolineare la finezza della scelta dei nomi: non sappiamo se gli interlocutori di Socrate siano veramente esistiti – qualcuno sì, di sicuro, ma non sappiamo se si siano svolti quei discorsi. Comunque, in questi brani che sto traducendo incontriamo dei nomi parlanti, fateci attenzione.

Diote – E quindi Epimenide mi ha raccontato che gli ha detto suo cugino che ha comprato il vero teschio del Minotauro, ma come noto i cretesi mentono, quindi quello che mi ha raccontato Epimenide è per forza falso.

Socrate – Ecco Diote, ecco quello di cui parlavamo: hai commesso un errore di ragionamento

D – E quale, Socrate? Continua a leggere “So di non sapere, meglio mettere condimento”

Annunci

Ethics for dummies

Socrates 469 BC - 2011 AD
Socrates 469 BC – 2011 AD (Photo credit: nerosunero)

Sono recentemente venuto in possesso di alcuni frammenti di dialoghi con protagonista Socrate, tramite una rete sotterranea e insomma la Grecia si sta svendendo tutto e certe cose te le regala pure basta che le porti via che serve spazio e sapete come va. Non fanno parte dei dialoghi platonici, non so se perché lo Stephanus non li conosceva o se perché proprio non sono opera di Platone dal momento che il suo Socrate e quello di questi frammenti non sempre collimano (ovvero, il Socrate di questi frammenti non sempre dice quello che vuole Platone). Non sono filologo, ricordo vagamente il greco classico, ma ecco qui una traduzione di un brano breve:

Socrate – Dunque tu pensi che sia giusto ciò che viene a tuo vantaggio?

Maccoao – Certo lo penso.

S – Anche se il tuo vantaggio va a detrimento d’un altro?

M – Sì.

S – Allora sicuramente penserai che sia giusto che l’altro pensi che sia giusto ciò che va a suo vantaggio, anche se va a tuo detrimento. Continua a leggere “Ethics for dummies”