Non chiedere non dire

Fin dal 2011 gli Stati Uniti hanno rinunciato alla loro politica di reclutamento che sorvolava sull’orientamento sessuale dei soldati, la nota “Don’t ask don’t tell“. L’orientamento sessuale non è una caratteristica essenziale di un soldato, ma la discriminazione machista era comunque presente e quindi era opportuno nascondere in qualche modo questo tratto.

D’altra parte si trattava comunque di una pezza, non di una soluzione vera. Gli omosessuali o i transessuali dovevano nascondere la propria identità, invece di poterla vivere liberamente.

Le cose sono cambiate. almeno dal punto di vista della legge. E un passo ulteriore sta per essere compiuto, sotto la spinta dell’impegno di Shane Ortega, il primo soldato apertamente transessuale dell’esercito USA.

Ortega ha già partecipato a 3 missioni, due in Iraq – come donna, e una in Afganistan come uomo. Ha iniziato la transizione proprio nel 2011, sottoponendosi a terapie ormonali con il testosterone sotto controllo dei medici dell’esercito.

Sembra stupefacente che i medici dell’esercito forniscano testosterone! E viene da chiedersi quanto ne ha usato Ortega, che adesso è così:

Shane Ortega
Shane Ortega ha più definizione di un bodybuilder in gara

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...