Non lo sapeva Frazer

Quello che fa funzionare le pratiche eremitiche, per esempio quella buddhista (originaria, non quella comunitaria seguente) è il fatto che un eremita sta lontano dalle distrazioni e si impegna in una routine in cui niente accade di sorprendente, niente di nuovo, niente di diverso.

Ma qual è la causa prima delle distrazioni? Le persone. Non è per allontanarsi dal mondo delle cose che uno va a fare l’eremita, ma per evitare le persone. Chi lo fa per sincera misantropia, ma allora (insegna Kant) non ha il movente giusto (i moventi patologici); e chi lo fa perché ha capito che l’unico modo per evitare l’insoddisfazione è evitare anche la soddisfazione. Togliere le cause della soddisfazione elimina anche quelle dell’insoddisfazione. Vedere persone produce legami, e quando i legami finiscono si perde l’equilibrio. Stringi stringi, questa è l’essenza delle pratiche eremitiche.

Dopo le persone però bisogna fare a meno anche degli animali. Gli animali hanno una faccia. Noi riconosciamo facce e comprendiamo sentimenti e sensazioni in base alle espressioni delle facce. Attribuiamo stati mentali agli animali in base alle espressioni che vediamo sul loro volto (o muso). Quindi anche gli animali creano legami. Ecco che la soluzione si presenta sottoforma di una dieta vegetariana: le piante non hanno una faccia (se sono un eremita vegetariano, ho bisogno solo di un’orto, non di qualche animale da cortile e di un cane per proteggere gli animali da cortile dai piccoli predatori silvestri o da qualche ladro di galline).

Bisogna evitare i volti per evitare l’insoddisfazione.

Gli occhi di una ragazza possono cambiarmi la vita, migliorarmela di molto. Possono essere proprio ciò di cui ho bisogno. Ma quando non li vedo più, sono guai.

Adesso sapete il vero messaggio del buddha (che ha abbandonato moglie e figlio).

6 pensieri riguardo “Non lo sapeva Frazer

  1. La stessa inoppugnabile logica che fa chiamare Marco Aurelio “cadavere di un pesce” il contenuto del piatto.

    1. eh, è logico all’estremo. Non ci sono fallacie.
      D’altronde, è logico anche il sillogismo:
      – Socrate fischia
      – il treno fischia
      – Socrate è un treno
      (anche se la premessa minore dovrebbe suonare più o meno come “ciò che fischia è un treno”, ma diamo per buono che la predicazione è sottintesa nella lingua italiana)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...